venerdì 31 gennaio 2014

Piazza. Acquistati per 20 mila euro quadri del Paladino, poi delibera revocata. Ora si rischiano vie legali

Il Comune acquista quattro quadri per 20 mila euro da destinare alla pinacoteca comunale, ma dopo pochi giorni la delibera viene revocata per il parere sfavorevole della Ragioneria in quanto non presente “un codice di bilancio”. Si tratta di tre tele del Paladino e una del Velardita già consegnati al Comune il 13 maggio del 2013 durante l’amministrazione Nigrelli. Ora si rischiano le vie legali.

PIazza. San Giuseppe, lavoratori "delusi" da incontro a Palermo

“L’incontro è iniziato un’ora prima e nessuno ha ritenuto necessario informarci”. Delusione e amarezza quella espressa dal comitato di Lotta della casa di riposo San Giuseppe e del sindacato Cobas per l’incontro di mercoledì a Palermo tra il sindaco Filippo Miroddi, il presidente del consiglio comunale Gianfilippo Miroddi e l’assessore regionale per la Famiglia Esterina Bonafede e la collega alla Salute Rita Borsellino. “L’incontro è iniziato senza di noi è quel che è peggio è finito 15 minuti dopo essere riusciti ad entrare, grande delusione per l’estrema superficialità con cui viene trattato un tema così spinoso”, dice il comitato di lotta. La situazione rimane di sostanziale stallo, questo pomeriggio dovrebbe essere previsto un incontro dei lavoratori con il consiglio di amministrazione dell'istituto che si preannuncia abbastanza rovente e spigoloso.

giovedì 30 gennaio 2014

Piazza Armerina. Tar: "Il capo dei vigili non andava ammesso al concorso 2010"

L’attuale capo della Polizia municipale non andava ammesso al concorso per comandante del 2010. Lo ha stabilito il Tar di Catania con sentenza, accogliendo il ricorso di un candidato che era  arrivato sesto nella procedura selettiva. La decisione dei giudici amministrativi etnei di fatto stralcia la posizione dell’attuale comandante Paolo Gabrieli dal concorso. Il comandante Gabrieli per ora rimane al suo posto e si dice sereno. “Farò ricorso in appello al Consiglio di Giustizia Amministrativa”, ha sottolineato il capo dei vigili urbani... (Giornale di Sicilia edizione del 30 gennaio) 

mercoledì 29 gennaio 2014

Piazza. Salta sopralluogo ai pozzi comunali. Alberghina: "Amareggiato"

Francesco Alberghina, presidente della
commissione Lavori pubblici
Seduta a vuoto della commissione Lavori pubblici, questa mattina, che non ha potuto effettuare il programmato sopralluogo nei pozzi comunali gestiti da Acquaenna. L’Ato Idrico ha fatto pervenire una nota agli uffici comunali comunicando l’impossibilità dei tecnici a presenziare alla verifica. La mancata presenza dei tecnici della società privata avrebbe indispettito e non poco i componenti della commissione. “Sto provvedendo subito a convocare un’altra data per effettuare il sopralluogo e spero che questa volta la disponibilità ci sia, è nel nostro diritto verificare il funzionamento dei pozzi, in caso contrario ci troveremmo costretti ad azioni di altro tipo”, sottolinea il consigliere Francesco Alberghina, presidente della commissione, amareggiato per l'impossibilità di avviare la verifica. "Spero si sia trattato solo di un caso, ci sono diverse questioni aperte con Acquaenna e vogliamo portare avanti gli interessi del Comune e dei cittadini attraverso un rapporto trasparente con il gestore della rete idrica", ha aggiunto Alberghina.

Piazza. Sport, Polisportiva Armerina: "Aberrante dare soldi ad una sola società"


NOTA DELL'ASD POLISPORTIVA ARMERINA:

"I dirigenti della Associazione sportiva Polisportiva Armerina sono amareggiati  per l’attività della Pubblica Amministrazione verso i promotori dello sport e per l’attenzione che pone la stessa nei confronti di alcune società sportive.

Come verificato con delibera della giunta comunale n°242 del 31/12/2013, l’Amministrazione, in modo aberrante, ha assegnato a una sola società sportiva la somma di € 10.000 (diecimila), come si evince nello stralcio della delibera qui di seguito riportata:

1-     per promuovere la valorizzazione della Villa Romana del Casale, attraverso l’incentivazione dello Sport con l’implementazione di attrattive culturali, turistiche e pubblicità del bene;

2-    Concedere il patrocinio del comune e riconoscere l’associazione dilettantistica ……. omissis, promotrice della valorizzazione della Villa Romana e della Città di Piazza Armerina attraverso la pubblicità di manifestazioni sportive nella città di Piazza Armerina;

3-     Promuovere l’attività sportiva della’associazione attraverso l’adozione della stessa e il sostenimento delle spese di attività specifiche quale rappresentante della città di Piazza Armerina e del sito archeologico della Villa Romana;

4-    Impegnare la  somma di € 10.000 per attività di pubblicità attraverso lo sport, a favore dell’associazione sportiva ……… omissis;

5-    ………….. omissis

Il  sig. Sindaco, con delega allo sport, in una riunione svoltasi  nel mese di ottobre 2013,  presso la Sala delle Luci, alla presenza dei rappresentanti delle associazioni sportive della città di Piazza Armerina, nell’esternare le difficoltà economiche generali e in specie quelle del comune di Piazza Armerina, rendeva edotti gli astanti che non potevano essere elargite somme di denaro per lo svolgimento delle attività sportive e che era indispensabile versare il relativo ticket per l’utilizzo delle strutture sportive. In detta sede, il signor Sindaco, riconosceva, indiscutibilmente, i meriti di tutte le associazioni sportive per la funzione sociale svolta attraverso lo sport..

Siamo amareggiati nel ricordare che, nel mese di dicembre 2013, la medesima Amministrazione, ha negato alla nostra società, promotrice di una manifestazione sportiva interprovinciale, in collaborazione con il comitato FIPAV di Caltanissetta, un contributo in gadget o mini-panettoni (200 Euro costo complessivo) da distribuire ai bambini.

La manifestazione svoltasi a Piazza Armerina per l’intero giorno 22/12/2013 con la presenza di oltre 200 atleti e le tribune gremite in ogni ordine di posto dai genitori ed accompagnatori, ha rappresentato, sicuramente, un notevole veicolo pubblicitario sia per la pallavolo che per la nostra città.  

Infatti, i genitori e le squadre ospiti sono stati accompagnati, da noi dirigenti, nel corso della pausa pranzo, a fare un tour del nostro bel paese e soprattutto della Villa Romana del Casale, nella certezza che ogni cittadino e/o ente ha il dovere di far conoscere le opportunità che la città di Piazza Armerina e il suo territorio offre a tutti i visitatori.

Siamo amareggiati nel constatare che alle tante richieste protocollate e indirizzate al Sindaco e al responsabile del settore Sport,  non sono pervenute altrettante lettere di risposte.

Siamo indignati nel constatare che, l’amministrazione consideri sport solamente una disciplina sportiva ( senza nulla togliere agli amici di questa società che operano con difficoltà e con grande senso di responsabilità ) discriminando tutte le associazioni che da anni contribuiscono con la loro attività a promuovere la città di Piazza Armerina, con enormi sacrifici soprattutto economici.

Siamo amareggiati nel constatare  egregio sig. Sindaco che  l’Amministrazione Pubblica da Voi rappresentata non  è da stimolo nello svolgimento della “ FUNZIONE SOCIALE” che Lei più volte,  nel corso della campagna elettorale ed in altre sedi, ha citato.

Atteggiamenti simili potrebbero scoraggiare solo chi non crede nei valori supremi che lo sport in generale dà,  valori innati della nostra società per il rispetto dei nostri giovani e dei loro genitori.

Siamo abituati a rispettare le regole.  Lo Sport è fatto di regole. Possiamo solamente concludere che  questa Amministrazione Pubblica non solo non rispetta le regole ma le gestisce a suo uso e consumo.

Lo SPORT non è per pochi  ma è per TUTTI "
Asd Polisportiva Armerina

Piazza. Concorsi comunali, arriva ricorso al Tar. Chiesta la sospensione di una prima procedura selettiva

Rischiano potenzialmente di finire nel nulla i concorsi pubblici comunali? Sarebbe stato presentato un primo ricorso al Tar di Catania per l’annullamento del concorso pubblico per soli titoli per la copertura di un posto di istruttore direttivo di vigilanza. Uno dei candidati ha chiesto ai giudici amministrativi di sospendere nel frattempo l’efficacia ed esecuzione del bando di concorso, della graduatoria definitiva e di tutti gli atti conseguenti. La parola spetta adesso alla magistratura. Al Comune viene rimproverato di aver creato una procedura selettiva esclusiva e riservata in favore dei lavoratori contrattisti, dei precari comunali, sotto la parvenza di un concorso pubblico. E questo grazie allo strumento della valorizzazione del servizio prestato all’interno dell’ente.

martedì 28 gennaio 2014

Piazza. Assessore Sgarlata visita gli affreschi del Borremans: "Faremo nostra parte, ma serve impegno di tutti"

"Assolutamente prioritario, splendidi questi affreschi del Borremans che vanno salvati, la Regione fara' la sua parte, ma occorre intervento sinergico con tutti, il territorio si attivi con una conferenza di servizi fra tutte le parti". A dichiararlo l'assessore regionale dei Beni culturali, Maria Rita Sgarlata, visitando questa mattina la chiesa di San Giovanni Evangelista con padre Antonino Scarcione. "Chiederò alla Soprintendenza di fare subito progetto di recupero", ha aggiunto.


Inviato da iPhone

--
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it http://www.email.it/f

Sponsor:
Tutta la tecnologia che cerchi a prezzi scontati
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid204&d(-1

Piazza. San Giuseppe, Crimì: "Non abbiamo i soldi per fare la spesa agli anziani"

“Siamo al punto di dover fare la colletta per comprare il cibo agli anziani, siamo ormai a questo, non ci sono più soldi, se non si muove qualcosa scriverò ai familiari degli anziani, agli ospedali e all’autorità giudiziaria per chiedere di portarli altrove, perché non saremo in grado di sfamarli”. L’appello drammatico arriva dal presidente della Casa di Riposo San Giuseppe, Nunzio Crimì, il quale chiede che non continui “la disattenzione generale incredibile” sulle sorti dell’istituto di Piano Sant’Ippolito che accoglie e assiste ogni giorno 54 anziani ospiti. Il personale è da anni senza stipendio, fatti salvi i piccoli acconti periodici, e vanta decine e decine di stipendi arretrati. Il presidente Crimì descrive la situazione al limite nel quale si trova ad operare. “Ho scritto alla Prefettura e alla Regione, ho spiegato loro che non si muove qualcosa trasferirò altrove gli anziani, pena l’interruzione di un pubblico servizio, abbiamo ancora pochi giorni di tempo a disposizione in realtà, non ce la facciamo più, abbiamo difficoltà a fare la spesa”, dice.

Piazza Armerina. Pubblicità fonica, Bascetta: "Delibera contro la mia persona"

“Quel regolamento sulla pubblicità fonica è stato fatto ad hoc per tapparmi la bocca, è un provvedimento anti-bascetta messo a punto e approvato con delibera dall'amministrazione Miroddi”. A sostenerlo il coordinatore provinciale dei Cobas, Luigi Bascetta, da sempre in giro con auto e amplificazione sul tetto per portare avanti le sue rivendicazioni sindacali. Il sindacalista “Se entrerà in vigore scatteranno un’interrogazione parlamentare e altre iniziative, per le rivendicazioni sindacali occorrerà pagare la marca da bollo, è incostituzionale”. Per diventare operativo il regolamento ha bisogno del via libera del consiglio comunale.

venerdì 24 gennaio 2014

Piazza Armerina. Strisce blu, sarà un referendum a decidere per il futuro

Il vicesindaco Giuseppe Mattia
L’amministrazione comunale ha intenzione di togliere le strisce blu, ma sarà un referendum tra i cittadini a stabilire se mantenere o meno il servizio di parcheggi a pagamento nella città dei mosaici. Ad annunciare il cambio di rotta l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Mattia: “Personalmente sono per eliminare le strisce blu e l’amministrazione comunale è tendenzialmente orientata allo stesso modo, ma su temi così importanti siamo soprattutto per rispettare la volontà dei cittadini, per questo penso che la soluzione più giusta, prima di prendere qualsiasi decisione definitiva, sia quella di far decidere ad un referendum se mantenere o meno questo servizio”.

Piazza. Curva Bannata, incidente autonomo sulla 117 Bis

Curva Bannata sulla 117 Bis
Pioggia, asfalto viscido e disattenzione provocano un nuovo incidente sulla strada statale 117 Bis, all’altezza della contrada Bannata. Una Fiat 500 di colore rosso stava percorrendo la statale in direzione della città dei mosaici quando, in fase di curva, prima di Selvaggio Mobili, il veicolo ha perso aderenza, ha invaso l’altra corsia ed è finito con la parte anteriore sinistra sul grosso muro di cinta laterale della strada. A bordo dell’auto una donna originaria di Ragusa che per fortuna è rimasta praticamente illesa, fatto salvo per qualche leggera contusione. Un incidente autonomo che poteva finire peggio.

giovedì 23 gennaio 2014

Piazza. Propaganda fonica, stop al far west, pronto regolamento. Provvedimento "antibascetta"?

Giro di vite sulla pubblicità fonica selvaggia nel centro abitato, ma anche sulla propaganda politica e sindacale a colpi di megafono. Automobili con altoparlanti al seguito potranno girare per le vie del centro abitato solo in alcuni orari specifici, dietro autorizzazione e pagamento di marca da bollo e imposta sulla pubblicità. La propaganda elettorale e sindacale, a colpi di megafoni montati sui veicoli, sarà consentita esclusivamente per preannunciare l’ora e il luogo dei comizi o delle riunioni sindacali, conferenze ed incontri. E sarà possibile dalle 9 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20 del giorno prima e del giorno stesso della manifestazione. In ogni caso sarà sempre necessaria in questi casi l’autorizzazione del dirigente della Polizia municipale. Secondo alcuni un vero e proprio provvedimento "antibascetta". Un testo regolamentare è stato approvato dalla giunta ed ora passerà al vaglio del consiglio comunale.

Piazza Armerina. L'assessore Sgarlata visiterà gli affreschi del Borremans. Don Scarcione: "Speriamo bene"

L’assessore regionale dei Beni culturali, Maria Rita Sgarlata, il 28 gennaio effettuerà un sopralluogo all’interno della chiesa di San Giovanni Evangelista. Una visita alla “Cappella Sistina di Sicilia” per constatare di persona le condizioni di degrado nel quale versa l’imponente ciclo di affreschi del Borremans. Soprattutto di due pannelli nei quali la pellicola pittorica rischia di staccarsi da un momento all’altro.  La dirigenza de Il Megafono piazzese e provinciale ha chiesto e ottenuto dall’assessore Sgarlata la disponibilità a visitare gli affreschi. Si punta a strappare un impegno formale all’amministratore regionale, il quale sulla vicenda potrebbe incontrare in quelle stesse ore le altre autorità competenti. Il consigliere comunale Laura Saffila, infatti, in un’interrogazione inviata ieri al sindaco Filippo Miroddi, ha chiesto al primo cittadino “di intervenire immediatamente”, convocando in una conferenza di servizio la Curia vescovile, la Soprintendenza, il Parco Archeologico della Villa Romana, il parroco Antonino Scarcione e Francesco Galati, già dirigente comunale del settore Beni culturali.

martedì 21 gennaio 2014

Piazza Armerina. Curva della morte, altra auto cappottata e tragedia sfiorata


Incidente 21 gennaio 2014
Ci risiamo, stesso film, con finale meno tragico per fortuna. Alle 12.45 un'altra auto è cappottata nella famigerata curva della morte del chilometro 37+500, sulla strada statale 117 Bis. Una Lancia stava percorrendo il tratto killer in direzione Enna, poco prima del bivio Furma, quando ha perso il controllo a causa dell'asfalto reso viscido dalla pioggia. Nel frattempo tutti aspettano i fatti, quelli che servirebbero ad evitare altre tragedie. Invece solo parole. Tre giovanissime donne morte a fine novembre, un'auto cappottata il 31 dicembre e un altro veicolo nello stesso punto ribaltata oggi 21 gennaio alle 12.45. Sul posto la polizia del commissariato armerino. Il nuovo Prefetto di Enna deve darsi una mossa e mettere al primo posto della sua agenda la vita dei cittadini. E tutti facciano presto la loro parte.

Piazza Armerina. L'incidente "gemello" del 31 dicembre 2013:
http://robertpalermo.blogspot.it/2013/12/piazza-armerina-auto-cappotta-nella.html

Piazza Armerina. L'incidente mortale di fine novembre 2013:
http://robertpalermo.blogspot.it/2013/12/piazza-armerina-il-35700-il-chilometro.html
Prima pagina Report
7 dicembre 2013
 



L'incidente del 31 dicembre 2013




Incidente 21 gennaio 2014
Incidente del 30 novembre 2013

Piazza. Il ragioniere capo non accetta la "dirigenza", Miroddi incarica esperto esterno

Alfonso Catalano
Il ragioniere capo comunale rinuncia a fare il ragioniere capo? Almeno in parte? Sembrerebbe di si visto che Alfonso Catalano, il quale fino a dicembre era il responsabile del settore Economico finanziario dell’ente, non ha accettato la nomina di dirigente (la dizione corretta è “titolare di posizione organizzativa” nel caso del comune piazzese che è privo di personale con qualifica dirigenziale) che era stata firmata dal sindaco Filippo Miroddi il 31 dicembre scorso per i primi tre mesi del 2014. Il primo cittadino aveva nominato i nove titolari dei vari settori e Catalano era stato l’unico a non accettare, rinunciando anche alla relativa indennità di posizione. E per questo il sindaco è stato costretto a dare incarico esterno al dottor Filippo Manuele, esperto in discipline economico-finanziarie, dalla data di accettazione dell’incarico e fino al 31 marzo. “Non so per quale motivo il ragionier Catalano non abbia accettato la nomina, in seguito alla sua decisione ho dovuto firmare l’incarico esterno. L’attività dell’esperto incaricato, come si legge nella determina di Miroddi del 15 gennaio, “è prestata a titolo gratuito”. In pratica nessuna retribuzione, con esclusione “delle spese effettivamente sostenute, documentate, autorizzate, compatibili e anzi necessarie all’espletamento dell’attività di esperto prestata per l’ente”. Non è un mistero che da tempo il dottor Catalano soffrisse i troppi carichi di lavoro legati al suo settore, rispetto al quale erano state avanzate più volte le richieste di rafforzamento dell'organico a supporto delle attività lavorative. Catalano, dipendente comunale vincitore di concorso, non si è dunque licenziato (la voce si era diffusa erroneamente nelle settimane scorse), ma ha forse scelto semplicemente di "alleggerire" i carichi di lavoro dei mesi scorsi. 

lunedì 20 gennaio 2014

Piazza. Variante su centro disabili, Ribilotta: "Naso dice il falso"

Teodoro Ribilotta
“Lorenzo Naso dice il falso quando afferma che io da vicesindaco sapevo o avrei dovuto sapere di suoi contatti con l’ufficio Tecnico comunale sulla fattibilità della realizzazione di un centro di riabilitazione per disabili, smentisco in modo categorico quella che è un’assurdità detta dal procuratore del Csr”. Così il consigliere comunale Teodoro Ribilotta, chiamato in causa da Naso in una nota del Csr relativa alla recente non approvazione della variante al Prg sul centro proposto dal centro siciliano di riabilitazione.  
 
Vedi gli articoli sull'argomento:
Piazza. Csr, Naso: "Nigrelli appoggiava il nostro centro, Ribilotta era vicesindaco e sapeva"
 
Piazza. I consiglieri astenuti: "Miroddi è il presidente degli ignavi"
 
Piazza Armerina. Il sindaco Miroddi: "Alcuni consiglieri ignavi, adesso vergognatevi"
 
Piazza. Variante Prg, Di Giorgio: "Che schifo, viene voglia di mollare tutto"

Piazza. Sport, Pd: "Perchè tanta attenzione ad una singola realtà?"

IL VIZIO ANTICO DI NAVIGARE A VISTA, seconda  puntata

Questa settimana è davvero facile capire quale sia l’argomento, che – ancora una volta – svela le debolezze  e le contraddizioni di un’Amministrazione che sulla gestione  sembra  non avere le idee chiare. O forse sembra averle fin troppo chiare. Il fatto è questo: con delibera di giunta del 31.12.2013 viene destinato un contributo (perché tale è) ad un’associazione sportiva dilettantistica, la “Città dei Mosaici Calcio”. Le altre associazioni sportive locali non la prendono bene ed  il Partito Democratico, in loro sostegno, intende denunziare quello che è accaduto.

Il “contributo” (che non viene mai denominato come tale) è infatti finanziato con le risorse del 30% derivanti da proventi della Villa Romana del Casale,  risorse che – a norma della convenzione stipulata tra il Comune di Piazza Armerina e l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali - devono essere utilizzate per la realizzazione di iniziative didattiche e culturali per la promozione della Villa e del nostro patrimonio storico, artistico e monumentale. Ammesso pure che le attività sportive possano essere fatte rientrare in questa tipologia (ma come mai nessuno ci aveva pensato prima?), vorremmo chiedere secondo quale logica un’associazione dilettantistica di calcio – che difficilmente supererà i confini provinciali- sia in grado di far conoscere al mondo intero uno dei beni riconosciuti come patrimonio dell’umanità tanto da essere finanziata con risorse pubbliche appositamente destinate. O è forse sufficiente chiamarsi “Città dei Mosaici Calcio? E se lo sport è un veicolo importante di comunicazione, perché legato a valori di integrazione, legalità, benessere, perché solo il calcio e non le altre discipline? Perché solo questa associazione (che dalla lettura dell’atto deliberativo sembra non avere presentato neanche richiesta formale) e non le altre? Quale migliore occasione di valorizzare il lavoro di tanti operatori dello sport che - quotidianamente – si dedicano alla creazione di contesti educativi, sopperendo alla gravissima carenza di offerta di servizi sul territorio? E – spostando il piano di osservazione – perché aggirare i regolamenti comunali? Sarà un po’ datato, ma esiste un regolamento approvato dal consiglio comunale nel 2006, proprio per la concessione di contributi a sostegno delle attività sportive. Ed ancora, perché non dare applicazione al Regolamento per la Disciplina degli Interventi Contributivi per la promozione della Villa Romana del Casale e del turismo Congressuale approvato dal Consiglio Comunale nel 2009? Insomma, perché tanta attenzione ad una singola realtà, tra l’altro nata “ieri”, a discapito di tante altre associazioni, certo meglio titolate e radicate sul territorio?  Lo studio degli atti, compito per il quale abbiamo già dato mandato ai nostri consiglieri comunali, ci darà forse qualche “sorprendente” risposta. Per il momento esprimiamo solidarietà al mondo dello sport locale assicurando che vigileremo. E ci impegniamo ad aprire un dibattito, con le altre forze politiche sensibili, sulle politiche sportive che riteniamo un indicatore del livello di benessere e civiltà di una comunità.
 

 Ilenia Adamo

Coordinatore  Circolo PD Piazza Armerina
 
Vedi gli altri articoli sullo stesso argomento nei seguenti link:
Piazza. L'ex vicesindaco Tudisco: "Il 30 per cento della Villa finanzi tutto lo sport"
 
Piazza.10 mila euro al calcio, Barravecchia: "Atto vile e sindaco bugiardo"

Piazza Armerina. Ex convento dei Frati Minori Osservanti, si a progetto esecutivo da oltre 3 milioni di euro

Via libera al progetto esecutivo da oltre 3 milioni di euro per il restauro dell’ex convento dei Frati Minori Osservanti di San Pietro. La giunta comunale ha dato il proprio benestare al lavoro dell’ufficio Tecnico comunale con cui la struttura del cinquecento verrà convertita in un centro sociale, con sala museale, ludoteca, foresteria e spazi per attività collettive. L’opera di ristrutturazione rientra tra quelle dichiarate ammissibili al finanziamento con decreto dell’assessorato regionale dei Beni culturali.

Piazza Armerina. La Casa di Riposo rischia la chiusura, il presidente Crimì scrive alla Prefettura e alla Regione

La Casa di Riposo San Giuseppe rischia la chiusura. Mentre i lavoratori occupano gli uffici direzionali dell’istituto per protestare contro gli stipendi arretrati, dormendo per la prima notte nei corridoi al secondo piano, il presidente dell’Opera Pia, Nunzio Crimì, ha scritto alla Prefettura di Enna e al Presidente della Regione Siciliana, informandoli sullo stato di crisi in atto. Parole dai toni drammatici quelle di Crimì: “Perdurando l’insensibilità delle amministrazioni regionali, comunali e dell’Asp, nostro malgrado, ci troveremo costretti a chiedere il trasferimento degli ospiti dal 28 febbraio presso altre strutture, o presso gli ospedali, per non incorrere nella mancata erogazione dei servizi primari che determinerebbe l’interruzione di pubblico servizio”.

sabato 18 gennaio 2014

Piazza. L'ex vicesindaco Tudisco: "Il 30 per cento della Villa finanzi tutto lo sport"

Dal blog di Fratelli d'Italia l'intervento di Fabrizio Tudisco http://fdiplutia.blogspot.it/2014/01/piazza-armerina-lo-sport-e-per-tutti-e.html

Piazza Armerina : Lo Sport è per tutti e i contributi per pochi.....
Apprendo dagli organi di stampa che l’Amministrazione comunale di Piazza Armerina ha deliberato un contributo straordinario a favore della Società sportiva di calcio locale per una somma di 10,000 euro e nessun altro sostegno finanziario per le altre Società sportive che militano nei campionati di Basket, Volley , Atletica leggera, etc. Il provvedimento ha scatenato le dure reazioni dell’amico Maurizio Barravecchia che ha addirittura dato del bugiardo al Sindaco Miroddi per non aver tenuto fede alle promesse di contributi,fatta a suo tempo, per la totale assenza delle relative somme in bilancio. Se ciò risultasse vero sarebbe una grave forma di discriminazione politica/amministrativa nei confronti delle Società sportive diverse dal calcio che richiede da parte del primo cittadino – titolare della delega allo sport – un pronto chiarimento nei confronti della opinione pubblica. Avendo ricoperto il ruolo di Assessore comunale e provinciale allo sport sono perfettamente a conoscenza delle difficoltà finanziarie che ogni Ente locale deve quotidianamente affrontare per le necessità della Collettività amministrata e di conseguenza “la voce” contributi dei bilanci comunali è una di quelle che per prima viene azzerata(a torto)per la migliore ottimizzazione delle risorse finanziarie. Di conseguenza le Società sportive che, non dimentichiamolo mai, svolgono un indispensabile e insostituibile ruolo nel tessuto sociale avviando e seguendo centinaia di giovani per una sana crescita motoria-sportiva e civile – vedono compromessa ogni anno la stagione agonistica non avendo alcuna speranza di finanziamento pubblico. Tale meritevole attività non può essere abbandonata dalla Amministrazione locale o peggio ancora essere discriminata ma all'inverso deve essere supportata come elemento aggregante di tutta la Collettività Piazzese. Non voglio entrare nella querelle – augurandomi che sia solo un incidente di percorso peraltro facilmente risolvibile da parte del Sindaco Miroddi – ma mi spingo più in la dando all’Amministrazione comunale -spero- utili suggerimenti per la gestione di tutto lo sport locale.
Il capitolo di bilancio per i fondi derivanti dagli introiti ingressi della villa Romana del Casale, in percentuale, dovrebbe finanziare “Tutto” lo sport locale con una larga sponsorizzazione che parte dallo sport di base dei centri di Avviamento allo Sport alle prime squadre dei campionati regionali;
La gestione di tutti gl’impianti sportivi dovrebbe essere affidata a tutte le Società sportive locali o almeno a quelle interessate, esonerandole dal ticket per i servizi individuali a domanda e sostenendole economicamente per le spese straordinarie di manutenzione degli impianti.
La Città dovrebbe ospitare periodicamente eventi e manifestazioni di levatura nazionale e internazionale nei settori dell’Atletica leggera, del ciclismo, del motociclismo, delle Arti marziali, dell’Atletica pesante, del Puglilato , etc con il binomio Sport/Turismo valorizzando il nostro territorio ricchissimo di risorse naturali/ambientali/artistiche/storiche/culturali.
Piazza Armerina vanta tradizioni sportive di grande rispetto e deve essere preciso impegno di ogni Sindaco, alla guida della Città, valorizzare lo Sport attraverso ogni intervento utile a diffondere e a far praticare la “cultura sportiva” .
 Una Città senza sport è una Città senza prospettive di sviluppo culturale ed economico!

                                                                 Fabrizio Tudisco

Piazza. 10 mila euro al calcio, Barravecchia: "Atto vile e sindaco bugiardo"

La giunta Miroddi ha impegnato 10 mila euro a favore dell’associazione “Città dei Mosaici Calcio” per attività di pubblicità attraverso lo sport. Il provvedimento è stata assunto con delibera. Un’iniziativa, si legge nell’atto, “concordata e sottoscritta dal direttore della Villa Romana”, finanziata, quindi, con i fondi legati al 30 per cento degli incassi del sito archeologico. Un provvedimento che pare stia facendo imbestialire le altre società sportive della città dei mosaici. E arrivano le prime reazioni. “Un fatto vergognoso, un atto vile da parte dell’amministrazione comunale, sono dei bugiardi, ho mandato otto lettere agli uffici, mai una risposta, il sindaco che ha la delega allo Sport è un bugiardo, se aiuta il calcio deve aiutare anche gli altri sport, mi hanno sempre detto che non c'erano soldi per le società sportive”, sottolinea Maurizio Barravecchia, responsabile della società di pallacanestro Grottacalda.  

Piazza. Csr, Naso: "Nigrelli appoggiava il nostro centro, Ribilotta era vicesindaco e sapeva"

Piazza Armerina, lettera aperta del Procuratore del CSR e dei disabili al Consiglio Comunale, alla Cittadinanza e al Sindaco di Piazza Armerina.
 Al Consiglio Comunale, e in particolare a quei consiglieri che si sono assunti la responsabilità di non approvare un progetto edilizio nato per aiutare chi si trova in una condizione di maggiore bisogno, vogliamo ricordare che esiste una legge, la famigerata 104 (art. 10, comma 6), che dispone molto chiaramente la deroga al Prg, proprio per la fabbricazione di edifici preposti alla riabilitazione di quanti necessitano di cure particolari. Il quesito posto dal capogruppo del PD riguardava l’eventuale esistenza di un’area adibita a tale fine nell’attuale Prg. Trattasi di domanda pretestuosa, in quanto lo stesso era vicesindaco nella passata amministrazione ed era perfettamente a conoscenza (o avrebbe dovuto esserlo) che prima di acquistare il terreno si era provveduto a verificare la fattibilità attraverso specifici contatti con l’ufficio tecnico comunale e poi fu lo stesso Sindaco Nigrelli ad impegnarsi personalmente affinché il progetto venisse approvato nel più breve tempo possibile. Perché solo oggi...

venerdì 17 gennaio 2014

Piazza. Lavoratori della San Giuseppe senza stipendio occupano l'Opera Pia

Iniziata questa mattina l'occupazione permanente della Casa di Riposo San Giuseppe da parte dei lavori dell'istituto assistenziale di Piano Sant'Ippolito. Il personale è esasperato per il mancato pagamento degli stipendi. L'Opera Pia deve oltre 2 milioni di euro di buste paga arretrate al personale di ruolo e non di ruolo. Lunedì l'occupazione si sposterà al palazzo comunale, mentre pomeriggio è attesa la riunione all'interno della stessa Casa di Riposo della quarta commissione consiliare, presieduta dal consigliere Concetto Arancio. "Situazione al collasso", dice il responsabile provinciale dei Cobas Luigi Bascetta.

Piazza. La Villa chiude il 2013 a +7,5%, ma nel secondo semestre dati meno entusiasmanti

Ancora in crescita per il terzo anno consecutivo le presenze alla Villa Romana del Casale. Il sito Unesco chiude il 2013 con un +7,5 per cento rispetto al 2012, con 23 mila turisti in più rispetto all’anno prima. I dati diffusi dal Parco Archeologico danno 333.965 turisti nei dodici mesi ormai alle spalle a fronte dei 310.777 dell’anno precedente. I pavimenti musivi stanno risalendo lentamente i dati statistici degli ultimi anni, crollati a picco in seguito ai lavori di restauro. Un anno che si chiude positivamente, dunque, anche se il primo semestre del 2013 in realtà aveva fatto segnare una crescita ancora più sostenuta, con un +18 per cento rispetto allo stesso semestre del 2012. I numeri piuttosto entusiasmanti della prima parte dell’anno, quindi, sembrano aver subito una parziale battuta d’arresto nel secondo semestre.

giovedì 16 gennaio 2014

Piazza. I consiglieri astenuti: "Miroddi è il presidente degli ignavi"

Piazza armerina- Lettera aperta dei consiglieri comunali al sindaco Miroddi.
 Apprendiamo dagli organi di comunicazione che lei si e’ vergognato per il risultato della votazione consiliare in merito alla variante piano regolatore generale per approvazione progetto relativo alla realizzazione di un centro socio riabilitativo in contrada Scarante. E successivamente alla vergogna che ha provato si e’ lasciato prendere la mano continuando a scrivere una serie di valutazioni ( se cosi si possono definire) che nulla hanno a che fare con l’oggetto in discussione al consiglio comunale del 13/01/2014. La demagogia da lei utilizzata e la strumentalizzazione nei confronti di chi è in una situazione di disabilità non ha mai toccato vertici così alti e spiace vedere che purtroppo lo continua a fare danneggiando chi, a suo dire, vorrebbe aiutare.  Non stiamo poi a dare importanza alle sue esternazioni estemporanee tirando in campo perfino la Divina Commedia, dimenticando di citare che se i consiglieri comunali che si sono astenuti sono degli ignavi, lei ci risulta essere il presidente degli ignavi (astenuto nella  delibera n. 91 del 20/10/2006 presidente del consiglio Filippo Miroddi, senza contare le fughe e le assenze per evitare di votare atti di primaria importanza, se vuole le facciamo l’elenco) e quindi lei è la persona meno indicata  per dire quello che ha detto e si dovrebbe a sua volta vergognare. Ma andiamo all’oggetto della delibera non approvata in consiglio comunale. Il piano regolatore generale è stato approvato  definitivamente in data 14/01/2010, all’interno dello stesso sono presenti le zone che prevedono espressamente la possibilità di realizzare le strutture di cui si chiedeva di approvare il progetto in variante, e quindi inserirle in un contesto urbano usufruendo di tutti quei servizi di cui dispone la città.
È sconfortante sentire un sindaco, che dovrebbe essere il garante del territorio e quindi evitare che realizzazioni edificatorie e modifiche ambientali al di fuori delle regole urbanistiche vengano realizzate , sostenere il contrario in modo così irresponsabile è un incentivo a chi, irrispettoso delle regole, vuole raggiungere interessi privati a danno dell’interesse pubblico. Vorremmo semplicemente ricordarle che le cause principali di disastri ambientali sono per colpa dell’opera dell’uomo e le tragedie che spesso accadono, (frane-smottamenti-allagamenti) hanno provocato nel tempo gravi danni alle persone e all’ambiente. Non vogliamo continuare oltre, perché era già superfluo risponderle, ma ai cittadini che hanno letto le sue farneticanti riflessioni dovevamo una risposta. Per chiudere, se queste per lei non sono giuste motivazioni ci spiace, lei si rifiuta di comprendere quale è il ruolo che la città lo ha chiamato a ricoprire.
P.s. Guardi a casa sua e veda cosa è giusto insegnare ai suoi figli anziché guardare in casa degli altri.
La lettera è stata sottoscritta dai consiglieri comunali: Alfarini Salvatore, Arancio Concetto, Cimino Calogero, Marotta Ilenia, Neglia Teresa, Picicuto Ivan, Ribilotta Teodoro, Saffila Laura

Piazza Armerina. Rifiuti, Oliveri: "I comuni della Srr nissena non ci vogliono"

L'assessore Pippo Oliveri
“Per la nuova Srr Caltanissetta Provincia Sud siamo una palla al piede, i comuni nisseni ora vogliono che ce ne usciamo per non creare ostacoli”. A rivelarlo l’assessore all’Ambiente Pippo Oliveri che sta seguendo la difficile transizione dall’Ato Rifiuti di Enna a quello nisseno voluto con due votazioni dal consiglio comunale attuale e da quello della legislatura precedente. La “dote” di 15 impiegati amministrativi portata da Piazza alla Srr nissena, non accettata a Gela e bocciata in pianta organica, è al centro delle difficoltà operative tra i comuni nisseni e quello piazzese.

Piazza. Il consigliere Betto a Speranza: "Solo insinuazioni, ho la schiena dritta"


Il consigliere Rosa Betto
Lettera aperta

All’egregio sig. Gianluca Speranza, già segretario dell’ex PDL.
Il rispetto che ho  per me stessa e per coloro che mi considerano persona leale, libera da preconcetti e da gioghi, e per nulla portata all’intrigo, di qualunque natura esso sia, mi impone di superare il fastidio che mi provoca  il dover replicare alle sue vuote, inopportune e tendenziose considerazioni. Desidero innanzitutto rammentarLe che, come è noto, io non ho mai avuto nulla a che  spartire con il PDL  né tantomeno con Lei, se non per il fatto che ho sostenuto, con estrema lealtà, la candidatura a sindaco del dott. Prestifilippo, senza aspirazioni di alcun  tipo, ma ravvisando nella sua persona, a torto o a ragione, le capacità necessarie per guidare il Paese. Peraltro vale la pena di ricordarLe, (verosimilmente per la sua giovane età , lo ignora, ma altri dovrebbero rammentarlo!) che in precedenti elezioni amministrative, nell’unico intento di sostenere la candidatura del dott. Prestifilippo, feci parte della “Lista Sgarbi, , chiedendo espressamente che accanto al mio nominativo venisse aggiunta la dicitura ”Indipendente di Sinistra” , come risultava allora sia dalle liste ufficiali e sia dal facsimile distribuito ai miei elettori . Nessun raggiro, quindi, per gli elettori e nessun intento di camuffare la mia ideologia politica.
Lo stesso dicasi per le ultime elezioni  amministrative. Ho sostenuto per la seconda volta il dott. Prestifilippo , aderendo al MIR, del quale , comunque, condividevo molti degli obiettivi e, in particolare, quell’impegno sociale che è capace di trascendere ogni ideologia politica se l’obiettivo da raggiungere è il benessere della comunità tutta. La mia decisione di staccarmi dal MIR, come ho detto in consiglio comunale, è stata motivata, poi , dalla presa di coscienza che il Movimento non poteva più garantirmi, data la recente posizione assunta dal suo leader, avv. Samorì, (ndr. novembre 2013), il pieno rispetto  di quanto contemplato dal programma. Lei, caro sig. Speranza,   era presente in Consiglio, ma  evidentemente  era distratto, aggrappato ad un cellulare che gridava al tradimento. E voglio aggiungere ancora qualcos’altro. Quel cellulare ha gridato al tradimento anche quando , dopo pochi giorni dall’insediamento dei Consiglieri, quasi tutti , (tranne due-tre) ci siamo recati in Piazza Duomo, assieme al Sindaco, per scoprire una lapide commemorativa. Ricordo che , nel  bel mezzo della funzione, ricevetti una sua telefonata con cui esprimeva disappunto per la mia presenza  in tale contesto. Mi dica, sig. Speranza, si stava facendo qualcosa di nocivo per il Paese o si stava contravvenendo a degli ordini imposti dall’alto? Quel cellulare ha gridato ancora al tradimento allorché,  qualche mese fa, è trapelata notizia che qualcuno del gruppo di maggioranza avrebbe voluto propormi per la Vice Presidenza del Consiglio. Fermo restando che non avrei accettato, perché nel corso della mia vita non ho mai inseguito cariche di alcun tipo (preferisco agire più che apparire) non capisco come mai questa attestazione di stima nei confronti di chi, come me, era all’opposizione e tra l’altro rappresentativa di una coalizione vicina alla sua, abbia suscitato tanta disapprovazione ( uso il termine ”disapprovazione “per non scendere nei particolari, che sarebbero molto più eloquenti).
Forse questo fatto sconvolgeva qualche disegno destinato a rimanere tra “le secrete cose”? Non è dato sapere! Si è gridato ancora una volta al tradimento, allorché ho votato favorevolmente per l’approvazione del bilancio. Ma Lei, sig. Speranza, che dovrebbe masticare di politica più di quanto sia in grado di fare io, si rende conto di ciò che avrebbe comportato per il Paese e per i Cittadini una falla del genere? E nell’immediato, non certo a lungo o a breve termine! Lo sa benissimo! La triste realtà è che qualche volta, e purtroppo,  in nome del benessere del Paese, si cerca di dar corpo a mire e disegni che con il benessere del Paese non hanno nulla a che vedere E Lei , caro Signore, si dice stupito perché la sottoscritta si è voluta dichiarare indipendente? Io mi stupisco, invece , di  me stessa , per non avere preso molto prima questa decisione, data la mia..

mercoledì 15 gennaio 2014

Piazza. Variante sul centro disabili la prossima settimana di nuovo in aula

"Riporterò subito in consiglio, già la prossima settimana, la variante al Prg sul centro disabili, questa volta chi si e' astenuto dovrà dire si o no, per gli ignavi non c'è posto neanche all'inferno". Lo ha detto il sindaco Filippo Miroddi, questa sera, uscendo dal consiglio comunale. Sul punto un chiarimento e' arrivato anche dall'assessore all'Urbanistica Pippo Oliveri: "In base alla legge 104 il centro di riabilitazione per disabili puo' essere realizzato ovunque". Intanto Lorenzo Naso, responsabile del centro Aias-Csr che ha presentato il progetto, dopo la non approvazione in aula della variante si e' detto profondamente amareggiato, ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni, in attesa del direttivo dell'associazione.


Inviato da iPhone

--
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it http://www.email.it/f

Sponsor:
Tantissime idee regalo a prezzi competitivi, trova l'dea giusta per Natale
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid203&d-1

Piazza Armerina. Mercato, Cimino: "Molti ambulanti non pagano"

"Tantissimi commercianti del mercato settimanale non pagano regolarmente il suolo, dobbiamo andare a verificare se gli ambulanti pagano regolarmente, non capisco perché non devono pagare, dopo un anno che non si paga queste persone devono decadere, c'è chi paga una rata e poi non paga più. Ogni operatore, poi, deve pulire il suo posto, le regole devono essere regole, quando c'è vento succede l'inferno, ritengo che sia indirizzo di tutta l'aula". A dichiararlo il capogruppo del Pd, Lillo Cimino, intervenendo in aula. L'assessore Sammarco ha promesso: "Faro' le dovute verifiche e riferiremo al consiglio"


Inviato da iPhone

--
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it http://www.email.it/f

Sponsor:
Scegli il programma Partner di Email.it e offri ai tuoi clienti una valida alternativa a Office 365 incrementando i tuoi margini
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid189&d-1

Piazza Armerina. Il sindaco Miroddi: "Alcuni consiglieri ignavi, adesso vergognatevi"

Di seguito la nota del sindaco Filippo Miroddi, dopo la mancata approvazione in consiglio comunale della variante al Prg relativa alla realizzazione di un centro di riabilitazione per disabili in contrada Scarante:
 
VERGOGNA!!!!
Uno dei problemi fondamentali della politica è il rapporto tra l'agire politico e l'agire morale.
L'azione umana riconosciuta moralmente corretta, non corrisponde necessariamente ad un'azione politicamente valida e viceversa: questo perché il modo di agire della politica si materializza nell'uso del potere, mentre l'azione moralmente valida, si realizza facendo riferimento a dei principi riconosciuti come moralmente giusti dalla comunità.
Ieri sera 14.01.2014 a Piazza Armerina, in Consiglio comunale, da cittadino piazzese, ho provato grande vergogna.
Un’Amministrazione Comunale prepara una maggioranza per far passare le proprie scelte amministrative, le proprie idee, che non sempre possono essere condivise; un’amministrazione comunale non prepara una maggioranza per votare un atto che dà dignità ai propri cittadini; un’amministrazione comunale non prepara una maggioranza per votare una variante urbanistica di cui tutta la cittadinanza deve sentirsi fiera! Dopo quella votazione, non posso non parlare e non pensare a tutti i ragazzi e le ragazze della nostra città….
A tutti i ragazzi e le ragazze che da soli non possono vivere;  ragazzi e ragazze che hanno bisogno di noi, della nostra cura, della nostra “tolleranza”; ragazzi e ragazze che non chiedono altro che poter vivere dignitosamente nella propria città, usufruendo di tutti quei servizi che gli altri utilizzano ed anche di servizi a loro dedicati, come quelli previsti nella Legge 104 ed in particolare, nella delibera di ieri sera.
Cari Consiglieri, troppo spesso nella nostra corsa quotidiana, ci dimentichiamo di Loro.
Io credo che chi vuole vivere veramente, chi vuole che la propria vita abbia un senso, deve andare oltre il proprio fabbisogno personale o familiare.
Deve lottare per chi è meno fortunato, sapendo già che il massimo premio a cui può ambire, non è un posto di lavoro o qualche prebenda…
È  il sorriso di un ragazzo o di una ragazza diversamente abile….
Questi sono  ideali per cui vale la pena combattere! 
Questi ideali non si potranno mai scambiare con un voto!
A tutti quei genitori, che attraverso la non autosufficienza dei loro figli si misurano giornalmente da un lato con una società che li emargina, ma nello stesso tempo si misurano con la vera essenza dell’amore,

Piazza Armerina. Appena 16 centesimi in più nell'appalto, il MInistero scrive agli uffici comunali e chiede spiegazioni

Per pochi centesimi il Ministero degli Interni scrive agli uffici comunali e chiede conto del presunto errore commesso. Sembra incredibile, ma invece è la burocrazia italiana. La gara d’appalto per l’installazione del maxi sistema di videosorveglianza chiamato “Piazza Sicura” era stata già assegnata da ben un anno ad un impresa di Palermo, la Sistel, con il ribasso del 39 per cento. Soltanto che la base d’asta era stata fissata dagli uffici comunali a 212.784,16 euro, mentre si sarebbe dovuta fissare a 212.784,00. Insomma il Ministero, forse onde evitare di dover  tirare fuori 0,16 centesimi, ha chiesto spiegazioni, con una nota indirizzata all’ufficio Tecnico comunale. Perché quei centesimi di differenza? Sorpresa è stata espressa dall’ingegnere capo Mario Duminuco, mentre voci di corridoio dicono che un dipendente si è già offerto di finanziare i 16 centesimi alle casse comunali... (Giornale di Sicilia - Edizione del 14 gennaio)

lunedì 13 gennaio 2014

Piazza. Variante Prg, Di Giorgio: "Che schifo, viene voglia di mollare tutto"

Continuano le reazioni sl voto sfavorevole in aula alla variante al Prg presentata per la costruzione di un centro di riabilitazione per disabili. "Oggi in consiglio si e' consumata una clamorosa ingiustizia, qualcuno dovrebbe vergognarsi...che schifo!!! Viene voglia di mollare tutto...", ha detto l'assessore al Bilancio Alessia Di Giorgio inserendo un post su facebook.


Inviato da iPhone

--
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it http://www.email.it/f

Sponsor:
Posta elettronica professionale con: condivisione di calendari, agenda e rubrica, sincronizzazione con tutti smartphone e tablet, backup e molto altro ancora a soli 24 euro l'anno
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid176&d-1

Piazza Armerina. Variante PRG, Velardita: "Sporca strumentalizzazione del voto"

"Per una sporca strumentalizzazione del voto, e' stata bocciata una proposta di variante del Prg per la costruzione di un centro di riabilitazione per portatori di handicap". A dichiararlo il consigliere Andrea Velardita su facebook, dopo il voto in aula. "Oggi gli interessi politici e le subdole strategie di partito hanno prevalso e sopraffatto gli interessi della collettività", ha aggiunto Velardita, dicendo di aver provato, a fine seduta, "un gran senso di rabbia e vergogna".


Inviato da iPhone

--
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it http://www.email.it/f

Sponsor:
Tantissime idee regalo a prezzi competitivi, trova l'dea giusta per Natale
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid203&d-1

Piazza Armerina. Variante Prg bocciata, Alberghina: "Ostruzionismo a scapito del centro disabili"

"Si è pensato più a fare politica di basso profilo e ostruzionismo che pensare al bene dei disabili che avrebbero potuto beneficiare del centro riabilitativo". A sostenerlo il consigliere di maggioranza Francesco Alberghina, dopo il voto di lunedì sera nel quale il consiglio comunale ha bocciato la variante al Prg per la realizzazione del centro in contrada Scarante. "La politica su una cosa così non avrebbe dovuto entrarci, sono molto amareggiato, veramente una brutta pagina per l'aula, ha prevalso la voglia di ostruzionismo da parte di alcuni consiglieri, il centro sarebbe stato realizzato senza alcun onere per il Comune", ha detto Alberghina.

Piazza Armerina. Nominati da Miroddi i nove "dirigenti" comunali

Nominati con provvedimento del primo cittadino i nove dirigenti comunali alla guida di altrettanti settori della macchina amministrativa. Il sindaco Filippo Miroddi ha incaricato quelli che nel linguaggio burocratese vengono chiamati “titolari di posizione organizzativa”, visto che il comune armerino è privo di personale con qualifica dirigenziale. Questi i capisettore, con le relative indennità di posizione annua prevista: Giuseppe Buscemi, Affari generali e gestione risorse umane 12.911 euro; Elvira Di Carlo, servizi Demografici e statistici 10 mila euro; Alfonso Catalano, settore Programmazione e gestione economico-finanziaria 12.911 euro (il quale pare non abbia accettato); Giuseppe Baiunco, settore Fiscalità e patrimonio 10.500 euro; Mario Duminuco, Lavori pubblici e urbanistica 12.911 euro; Mauro Mirci, Protezione civile e politiche ambientali 10.500 euro; Nadia Messina, Politiche sociali 11.300 euro; Maria Rosa Pascolato, Beni e politiche culturali, pubblica istruzione, turismo e sport 11.300 euro; Paolo Gabrieli, Polizia municipale, attività produttive e sviluppo economico, affari legali e contenzioso 12.911 euro.   

Piazza Armerina. Variante al Prg bocciata dal consiglio comunale

Il governo guidato dal sindaco Filippo Miroddi va sotto in consiglio comunale. Bocciata in aula lunedì sera la variante al Piano regolatore generale proposta per la realizzazione di un centro socio riabilitativo in contrada Scarante. La coalizione uscita vincitrice dalle ultime elezioni comunali, inizialmente forte di 12 consiglieri su 20, adesso può contare sulla carta su 9 consiglieri. Ma solo sei consiglieri vicini a Sala delle Luci hanno votato favorevolmente alla variante. Al momento del voto è uscito dall’aula il consigliere di maggioranza Filippo Vitali, mentre un altro consigliere di maggioranza, ormai sempre più distante dal governo Miroddi, Concetto Arancio, si è astenuto insieme alle opposizioni. Alla fine 8 consiglieri astenuti e 8 favorevoli, con la variante al Prg che rimarrà carta straccia. “Non eravamo contro al progetto, ma il nuovo Piano regolatore prevede delle aree nelle quali è possibile realizzare centri di questo tipo, non capisco perché si è scelto un terreno privato in una zona agricola, al di fuori delle aree previste dal Prg, l’amministrazione non ha saputo rispondere alle nostre perplessità, per questo ci siamo astenuti”, ha detto Ivan Picicuto, capogruppo del Nuovo Centro Destra.

Piazza. Pd, Adamo: "Indennità, Nigrelli le ha abbassate, Miroddi no"


IL VIZIO ANTICO DI NAVIGARE A VISTA, prima puntata

Dopo l’attesa cominciamo a denunciare tutte le mancate promesse di questa Amministrazione
Sono trascorsi più di 6 mesi dall’insediamento dell’amministrazione Miroddi. Un tempo che ci ha visti attenti osservatori di quanto sta accadendo. In una posizione di silenzio, per raccogliere elementi di giudizio. Un tempo di attesa  fiduciosa che ha però registrato una progressiva, sistematica demolizione di iniziative che avevano posto al centro la nostra Città ed il suo sviluppo. Con oggi cominceremo a denunciare, ad aprire un  dibattito su quanto sta accadendo ed a programmare iniziative che vedano la nostra comunità protagonista. Un appuntamento periodico che ci consentirà di dimostrare come l’amministrazione attuale navighi a vista, un vizio antico di quei governi che traggono vantaggio dall’assenza di programmazione, perché programmare significa assumersi responsabilità, fare delle scelte, a volte scontentare, insomma operare non per la ricerca del consenso ma nell’interesse della Comunità.
La riflessione di oggi è sui  costi della politica: sarà anche stato un gesto simbolico, ma quando si attraversano momenti di grave difficoltà, come quello attuale, nulla guasta. Così la giunta guidata dal Partito Democratico nel 2008 dal  si era ridotta del 30%, sin dal suo insediamento e come primo atto, l’indennità prevista per norma, facendo di Piazza Armerina uno dei primi Comuni italiani a muoversi in questa direzione.  Il risparmio per le casse comunali è stato di 181.107 euro, destinato all’istituzione o miglioramento di spazi per attività ricreative. In un tempo in cui sempre maggiori risorse economiche vengono sottratte all’infanzia, si è voluta segnalare l’attenzione per i bisogni dei bambini, che sono innanzitutto bisogni di normalità. L’idea di un Comune vivibile per i bambino e la sua famiglia è stato il primo segnale di un progetto di Città che si muove nella direzione del miglioramento della qualità della vita e dei servizi offerti. Ed è questa la sensazione che ancora proviamo  quando sentiamo le voci dei bambini che giocano, padroni di angoli della nostra quotidianità che abbiamo pensato e voluto per loro.
 Il governo di Sala delle Luci retto dall’attuale sindaco Filippo Miroddi non ha invece  ad oggi deliberato nessuna decurtazione. L’operazione trasparenza, voluta nel 2010,  ha visto la puntuale pubblicazione delle indennità sul sito del nostro Comune sino allo stop attuale:  ad oggi nell’albo pretorio non si trova nessun dato relativamente alle indennità degli attuali assessori e sindaco.
Anche relativamente agli incarichi ed alle consulenze,

Piazza Armerina. Gli assessori Sgarlata e Stancheris il 28 gennaio nella città dei mosaici ascoltati dalla commissione Cultura dell'Ars

Sarà Piazza Armerina ad ospitare il 28 gennaio l’audizione della quinta commissione Cultura Formazione e Lavoro dell’Assemblea Regionale Siciliana cui prenderanno parte gli assessori regionali ai Beni Culturali ed al Turismo Maria Rita Sgarlata e Michela Stancheris. L’audizione nella “città dei mosaici” era stata richiesta dal componente della commissione il vicario dell’Ars Antonio Venturino. “L’idea – sottolinea il vice presidente dell’Ars- è quella di fare chiarezza in loco su quali siano le iniziative che il Governo intende intraprendere in merito alla programmazione turistica del territorio regionale".

domenica 12 gennaio 2014

Piazza Armerina. "Caro Mattia svegliati tu..."

Caro Mattia svegliati tu...
Io non ho padroni ne padrini politici, faccio parte di un gruppo politico a cui ho deciso di aderire dopo avere chiarito con te, tanto tempo fa, le motivazioni del distacco mio dalla lista "patto per la città". Le mie dichiarazioni sono il frutto del mio libero pensiero con nessuno concordate ne preventivamente autorizzate. Forse questo e' per te difficile da comprendere, ma è anche una delle ragioni per le quali i nostri percorsi politici si sono allontanati.
Non mi conosci e mi sottovaluti come del resto fai con tutti.
Io sono uno dei tre consiglieri del NCD e le carte che dici io leggo non me le passa nessuno se non i funzionari del comune o i cittadini che a me si rivolgono per le loro legittime istanze o rimostranze. Non hai il dono della perfezione ne della infallibilità e devi rassegnarti difronte al dissenso. Questa e' la democrazia. Fattene una ragione, non tutti accettano di stare silenziosi ad aspettare che altri decidano senza poter e dover contribuire alle scelte amministrative nell' interesse dei cittadini nel rispetto del mandato elettorale. Sul bilancio ti ricordo solo che è stato presentato in grande ritardo e non avete chiesto ne accettato il contributo di alcuno in linea con la vostra condotta politica.
Un consiglio non sfidare che non ti conviene... Ti ricordo solo che in pochi mesi la giunta ha cambiato tre assessori su quattro e tu sei stato nominato a cose fatte mentre io sono stato eletto. Pensa solo a lavorare nell'interesse della città e non guardare in casa altrui quando nella tua c'è il terremoto...
Ivan Picicuto


Inviato da iPhone

--
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it http://www.email.it/f

Sponsor:
Affida le tue comunicazioni di lavoro ad un servizio di posta solido e sicuro!
* Email, su dominio a tua scelta, basate su piattaforma Zimbra, arrichite di tanti tools. Scopri ora
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid179&d-1

sabato 11 gennaio 2014

Piazza Armerina. Due consiglieri preparerebbero il gruppo di Forza Italia in consiglio

Secondo indiscrezioni almeno due consiglieri comunali starebbero lavorando per costituire in aula il gruppo di Forza Italia. Si tratterebbe di un consigliere dell'opposizione ed uno della maggioranza. Appena qualche giorno fa era stato costituito in consiglio il gruppo Ncd, il Nuovo Centro Destra degli alfaniani.

Piazza Armerina. In 15 anni matrimoni calati del 50 per cento

Crolla sempre più il numero delle nozze nella città dei mosaici con l’anno appena trascorso che ha fatto segnare il picco più basso degli ultimi decenni. Calati quasi del 50 per cento i matrimoni negli ultimi 15 anni, mentre nell’ultimo biennio la diminuzione è stata del 25 per cento. Sembrano lontanissimi i tempi del 1998, quando furono 162 i matrimoni in un anno. Il 2013 si è chiuso solo con 87 matrimoni, 19 civili e 68 religiosi, nel 2012 erano stati appena dieci in più, 97, mentre nel 2011 le nozze celebrate in città ammontavano a 115. Aumento progressivo del costo della vita, disoccupazione giovanile altissima, crisi economica, salari bassi e una nuova fase migratoria in uscita hanno portato in appena tre lustri a un dimezzamento delle coppie disposte a fare il grande passo. (Roberto Palermo - Giornale di Sicilia)

Piazza Armerina. Mattia: "Picicuto ancora una volta dimostra di non capire nulla"

“Ancora una volta il consigliere Ivan Picicuto dimostra di non aver capito nulla”. A sottolinearlo il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali, Giuseppe Mattia, replicando all’ex alleato di coalizione che nei giorni scorsi lo aveva criticato sul tema delle famiglie più deboli in difficoltà economica nella città dei mosaici. Picicuto aveva attributo allo stesso Mattia e alla sua parte politica la colpa dello stato di disagio sofferto da alcune fasce sociali, soprattutto per via degli ultimi aumenti dei tributi locali votati in aula e proposti dalla giunta.

Piazza Armerina. La commissione Bilancio inizia esame dei debiti fuori bilancio

Un lungo elenco di tre pagine con alla fine una cifra pesante come un macigno sui conti comunali: 1 milione e 143 mila euro. Sono i debiti fuori bilancio finiti ieri mattina sul tavolo della commissione Bilancio, presieduta dal consigliere Andrea Velardita. L’organo consiliare ha cominciato alle 11, alla sala riunioni del palazzo comunale, l’esame dei “creditori” fuori bilancio, dando inizio all’iter che dovrà portare il consiglio comunale ad esprimersi anche su scomode vicende amministrative del recente passato. Più di un terzo dei debiti fuori bilancio comunali è costituito dagli onorari dovuti ad avvocati per vicende giudiziarie chiuse o pendenti e pareri legali. In alcuni casi si tratta di maxi parcelle dovute a singoli professionisti per più incarichi accumulati negli anni, in relazione a diverse procedimenti giudiziari. Ammontano a circa 420 mila euro, infatti, le sole somme tuttora dovute dal Comune ai vari legali nominati negli ultimi 15 anni. Sfogliando le tre pagine si scoprono anche veri e propri salassi per le casse comunali: un avvocato per sette diversi incarichi che risalgono agli ultimi dieci anni vanterebbe nel totale 209 mila euro.

mercoledì 8 gennaio 2014

Piazza Armerina. Nasce in aula il gruppo Ncd

"Si e' perso senso di orientamento politico, nostra politica basata no su atti di fede, ma sui contenuti, dichiariamo di aderire nel Ncd, il Nuovo Centro Destra". A dichiararlo il consigliere Manlio Marzullo. A far parte del nuovo gruppo consiliare, oltre a Marzullo, anche Ivan Pucicuto e Manuela Lentini.


Inviato da iPhone

--
Caselle da 1GB, trasmetti allegati fino a 3GB e in piu' IMAP, POP3 e SMTP autenticato? GRATIS solo con Email.it http://www.email.it/f

Sponsor:
Posta elettronica professionale con: condivisione di calendari, agenda e rubrica, sincronizzazione con tutti smartphone e tablet, backup e molto altro ancora a soli 24 euro l'anno
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid176&d=8-1

martedì 7 gennaio 2014

Piazza Armerina. Dopo dieci anni di crescita la popolazione piazzese è in calo

Dopo dieci di continua crescita la popolazione piazzese torna a diminuire. I dati Istat sull’andamento demografico confermano anche nel 2013, così come già accaduto l'anno prima, il calo del numero di abitanti della città dei mosaici. Il primo semestre dell’anno appena concluso si è chiuso con 22.009 residenti, facendo registrare un ulteriore sia pure lieve calo rispetto al 2012 quando i residenti erano 22.042. La diminuzione più consistente rimane quella tra il 2011 e i primi sei mesi del 2013, con 186 residenti in meno. Nel 2014 si potrebbe quindi tornare sotto i 22 mila residenti. I residenti piazzesi erano 21.011 nel 2002 e 22.195 nel 2011. L’arrivo di nuovi stranieri ha contribuito a far crescere la popolazione, anche perché i piazzesi, come succede in Italia da qualche decennio, fanno sempre meno figli. Rimane quasi sempre negativo, infatti, negli ultimi anni anche il cosiddetto “saldo naturale”, cioè...

Dai rovi al museo

Dai rovi al museo
Erano state arrotolate e gettate fuori dalla chiesa senza cornice, abbandonate tra i rovi. Adesso un restauro di 36 mila euro, durato ben 9 mesi, le ha riportate al loro originario splendore. Presentate dal settore Beni culturali della Diocesi quattro enormi tele appartenenti alla chiesa di Sant’Andrea, ritrovate cinque anni fa per caso dal parroco Enzo Ciulo. Si tratta di un “Sant’Andrea” del ‘600, “L’Immacolata”, datata 1603, e una “Deposizione”, anch’essa del XVII secolo, e un Sant’Andrea condotto al Martirio.

Sant'Andrea d'Avellino. Entro ottobre sarà restaurato con 10 mila euro delle casse comunali

Sant'Andrea d'Avellino. Entro ottobre sarà restaurato con 10 mila euro delle casse comunali
Sarà la società “Geraci Restauri” di Messina a procedere al restauro del quadro di Sant’Andrea di Avellino, la tela del XVIII secolo che presenta ai piedi del santo la raffigurazione della città, la prima vera fotografia storica del centro abitato piazzese, una sorta di mappa dell’originario agglomerato storico cittadino. La giunta ha affidato l’incarico per 10 mila euro, somma attinta dal fondo di riserva.

"Dio non è grande", il libro di Christopher Hitchens

"Dio non è grande", il libro di Christopher Hitchens
In nome della ragione, contro ogni intolleranza e fanatismo: un atto d’accusa, ma soprattutto un invito a riflettere.Hitchens affronta di petto le questioni e, analizzando lacune e incongruenze dei testi “sacri”, spiega ciò che è sotteso a norme e tabù, premi e castighi eterni, proponendo illuminanti esempi storici dai tempi più antichi a oggi. La sua è una serrata difesa della ragione e del laicismo contro la crudeltà resa legittima e “santa” in nome di una fede.

Corrado Augias e Vito Mancuso

Corrado Augias e Vito Mancuso
Credenti cattolici e atei razionalisti si sfidano a duello

"L'illusione di Dio", di Richard Dawkins

"L'illusione di Dio", di Richard Dawkins
Il biologo ed evoluzionista Richard Dawkins torna sul tema da sempre al centro dei propri studi: l’ateismo. E lo fa con un saggio dall’obiettivo esplicito: dimostrare l’inesistenza di quel Creatore a cui tutte le religioni, e in particolare i tre monoteismi, fanno riferimento. Già il provocatorio titolo, L’illusione di Dio, racchiude il nucleo delle argomentazioni di Dawkins: l’esistenza di un Creatore è un presupposto dogmatico, una verità indiscutibile in quanto “sacra”, ma non dimostrabile in alcun modo